Risposte ai genitori

Con la presente si cerca di dare risposta alle domande presentate dai genitori in queste settimane.

 

 

Perché l'orario delle lezioni in molte scuole non è completo? Perché nella scuola secondaria, in particolare a Fornovo, l'orario è fortemente ridotto?

Le operazioni di inizio anno, in particolare il reclutamento dei supplenti, procedono a rilento in tutte le scuole, e il problema è avvertito a livello nazionale (i quotidiani nazionali ne parlano continuamente, si veda a solo titolo di esempio, l'allegato 1, tratto dal Corriere della Sera del 9 ottobre). Le operazioni di nomina a livello provinciale (di competenza dell'ufficio scolastico provinciale e delle scuole polo) si sono completate, per quanto ci riguarda, venerdì 2 ottobre. Da lunedì 5 ottobre la nostra segreteria ha iniziato le operazioni di nomina dei supplenti temporanei, che risultano particolarmente complesse. Non era possibile iniziare con le operazioni di competenza della singola scuola prima che si concludessero tutte le nomine di competenza provinciale. Nei prossimi giorni inizieremo le operazioni di nomina sull'organico aggiuntivo, operazioni che si preannunciano altrettanto complesse. Possiamo ritenere, ragionevolmente, che anche queste operazioni si completeranno nel corso della prossima settimana, entro il 16 ottobre.

 

 

L'istituto comprensivo di Fornovo ( da Riccò a Berceto) è penalizzato rispetto alle altre scuole?

Le regole del reclutamento sono le stesse per tutte le scuole statali. Nessuno può imporre agli aspiranti supplenti (ma nemmeno al personale di ruolo) sedi non gradite. Di conseguenza le scuole periferiche si trovano spesso nella situazione sopra descritta; i supplenti occupano prima le sedi più comode, cioè più facilmente raggiungibili. Sicuramente le scuole della città hanno completato l'organico per prime.

 

 

E' possibile esprimere una valutazione sull'organizzazione della scuola secondaria di Fornovo?

No, in quanto senza i docenti dell'organico aggiuntivo l'orario e l'organizzazione della didattica sono necessariamente provvisori, e una vera programmazione per classi parallele non può ancora essere avviata. In pratica, stiamo procedendo con sostituzioni del personale che ancora non abbiamo assunto, utilizzando i docenti disponibili.

 

 

In caso di assenza degli alunni, è possibile attivare la didattica a distanza? Al momento non è possibile organizzare lezioni a distanza, gli alunni assenti possono seguire il lavoro della classe con gli strumenti tradizionali, informandosi attraverso il registro elettronico sugli argomenti affrontati e i compiti assegnati.

 

 

Siamo pronti per una eventuale chiusura di alcune classi e per la didattica a distanza?

Il collegio docenti, nella riunione prevista per il giorno 13 ottobre, approverà il progetto di istituto per la didattica digitale integrata, che successivamente sarà reso pubblico.

 

 

La didattica a distanza è prevista per il primo ciclo di istruzione?

Per ora la didattica digitale integrata è prevista, nel primo ciclo, solo in caso di sospensione delle attività didattiche.

 

 

E' possibile riprendere il consumo di cibo portato da casa per gli alunni del corso musicale?

Al momento la necessità di provvedere alle operazioni di sanificazione non lo consente.

 

 

Le ore di lezione perse in queste settimane potranno essere recuperate?

No, in quanto l'orario è stato ridotto a causa dell'impossibilità di reperire i docenti. Sicuramente la scuola si attiverà per organizzare attività aggiuntive, quali i corsi di recupero e di potenziamento.

 

 

 

 

Ultima modifica 17 ottobre 2020